Domande comuni

Che cos'è il codice destinatario?

E' un codice che identifica il canale dello SDI su cui verranno ricevute le fatture passive. E' di 7 cifre per i soggetti con partita IVA (aziende) e di 6 cifre per le pubbliche amministrazioni

  1. I miei fornitori mi stanno chiedendo il codice destinatario. Quale codice destinatario devo fornire?

    Il codice destinatario viene fornito dal nostro servizio di invio/ricezione con lo SDI appena sarà attivo. Il codice destinatario che si può fornire temporaneamente è "0000000"

  2. Chi si occupa della archiviazione sostitutiva per 10 anni?

    L'archiviazione sostitutiva per 10 anni viene effettuata dalla piattaforma "Fatture e corrispettivi" dell'Agenzia Entrate, specificando la relativa opzione, oppure tramite un servizio terzo.

Cosa succede se sbaglio una fattura?

Può succedere di emettere una fattura con importi, descrizioni e/o dati anagrafici errati.

  • Se la fattura non è stata inviata allo SDI non è un problema: va modificata e corretta.

  • Se la fattura è già stata inviata allo SDI, va emessa una nota di credito per annullarla e va emessa una nuova fattura. Sia la nota di credito che la nuova fattura vanno ovviamente inviate allo SDI

  • Se ci sono dati anagrafici errati, come la partita IVA, può essere che venga scartata dallo SDI. In questo caso vale sempre la nota di credito e l'emissione di una nuova fattura.

Entro quando va inviata la fattura allo SDI?

Secondo la normativa, la fattura elettronica va inviata allo SDI il giorno stesso dell'emissione, entro le 24 ore dalla data in cui è stata emessa. Questo perché deve essere registrata correttamente ai fini della liquidazione IVA.

Tuttavia, considerata l'entrata in vigore dell'obbligo della fatturazione elettronica e l'ulteriore adempimento dell'invio allo SDI, è stato definito che:

  • Nel primo semestre 2019 è prevista l'eliminazione della sanzione per omessa o tardiva fatturazione se la fattura è inviata allo SDI entro il termine della liquidazione periodica e l'attenuazione della sanzione se inviata entro il termine della liquidazione successiva;

  • Dal secondo semestre 2019 è previsto invece un allungamento del termine di emissione della fattura rispetto al momento impositivo IVA

Cosa devo fare per emettere una fattura ad un privato?

Deve essere emessa la fattura elettronica, che verrà inviata allo SDI. Ai fini fiscali, il cliente la potrà recuperare dal portare "Fatture e corrispettivi". E' consigliabile (obbligatorio su richiesta del cliente) lasciare copia cartacea della fattura emessa al cliente, specificando che il documento originale è presso lo SDI. La fattura al privato avrà codice destinatario di 7 zeri.

Ho un versione di OpenSTAManager personalizzata: come devo fare?

Se hai una versione personalizzata, dovresti rivolgerti al fornitore che ha apportato le personalizzazioni per valutare se aggiornare OpenSTAManager ad una versione compatibile con la fatturazione elettronica(da OSM 2.4.2). Se sei già nostro cliente, probabilmente sei già stato contattato per adeguare la tua installazione.